Istituto Comprensivo Giardini

RISULTATI PROVE INVALSI 2015 - 2016

La lettura dei dati Invalsi consente di poter avviare un processo di autovalutazione del nostro sistema scolastico. Esso costituisce il punto di partenza per ri-orientare la progettazione e calibrare la didattica al fine di migliorare il successo formativo dei nostri alunni.

La restituzione dei dati, in forma riservata, avviene solitamente nei primi mesi di ogni anno scolastico.

Possono accedere alla restituzione:

- il Dirigente Scolastico

- il referente per la valutazione

- i docenti

- il Presidente del Consiglio d’Istituto.

I dati riguardano fondamentalmente tre aspetti:

- l’andamento complessivo dei livelli di apprendimento degli studenti della scuola rispetto alla media dell’Italia, dell’area geografica e della regione di appartenenza;

- l’andamento delle singole classi nelle prove d’italiano e di matematica nel loro complesso;

- l’andamento della singola classe e del singolo studente analizzato nel dettaglio di ogni singola prova.

Ma, come leggere i dati?

Occorre considerare innanzitutto che i risultati delle prove sono comparati alle valutazioni del I quadrimestre,  ad un campione di scuole avente lo stesso livello socio-economico della scuola di riferimento o vicine geograficamente e all’Italia nel suo complesso. I dati restituiti sono quelli complessivi della scuola e quelli di ciascuna classe (all’interno di ciascuna sono inoltre individuati 5 livelli di apprendimento). I punteggi sono al netto del cheating.

L’analisi dei dati INVALSI 2015-2016, relativi alla nostra scuola primaria (classi II-V) e  secondaria di I grado (prima e terza), mostra un risultato generale assolutamente più che soddisfacente ed in crescita sia per quanto riguarda la prova d’italiano che per la prova di matematica. Per i risultati relativi alle singole parti delle prove, si rimanda alle presentazioni e sintesi grafiche pubblicate nella relazione sui risultati delle prove Invalsi a cui è possibile accedere cliccando sul link: RELAZIONE RISULTATI PROVE INVALSI A.S. 2015-2016.

Per ulteriori approfondimenti si rinvia inoltre alla copia cartacea depositata presso la Presidenza.

Gli esiti sono stati illustrati ai docenti in riunioni collegiali anche di settore al fine di esaminare la criticità rispetto alla media nazionale e progettare azioni di miglioramento da inserire nel curricolo verticale in fase di elaborazione.

 

 

RISULTATI PROVE INVALSI 2012 - 2013

La lettura dei dati Invalsi consente di poter avviare un processo di autovalutazione del nostro sistema scolastico. Esso costituisce il punto di partenza per ri-orientare la progettazione e calibrare la didattica al fine di migliorare il successo formativo dei nostri alunni.

La restituzione dei dati, in forma riservata, avviene solitamente nei primi mesi di ogni anno scolastico.

Possono accedere alla restituzione:

- il Dirigente Scolastico

- il referente per la valutazione

- i docenti

- il Presidente del Consiglio d’Istituto.

I dati riguardano fondamentalmente tre aspetti:

- l’andamento complessivo dei livelli di apprendimento degli studenti della scuola rispetto alla media dell’Italia, dell’area geografica e della regione di appartenenza;

- l’andamento delle singole classi nelle prove d’italiano e di matematica nel loro complesso;

- l’andamento della singola classe e del singolo studente analizzato nel dettaglio di ogni singola prova.

Ma, come leggere i dati?

Occorre considerare innanzitutto che i risultati delle prove sono comparati alle valutazioni del I quadrimestre,  ad un campione di scuole avente lo stesso livello socio-economico della scuola di riferimento o vicine geograficamente e all’Italia nel suo complesso. I dati restituiti sono quelli complessivi della scuola e quelli di ciascuna classe (all’interno di ciascuna sono inoltre individuati 5 livelli di apprendimento). I punteggi sono al netto del cheating.

L’analisi dei dati INVALSI 2012-2013, relativi alla nostra scuola primaria (classi II-V) e  secondaria di I grado (prima e terza), mostra un risultato generale nel complesso più che soddisfacente sia per quanto riguarda la prova d’italiano che per la prova di matematica. Per i risultati relativi alle singole parti delle prove, si rimanda alle presentazioni e sintesi grafiche pubblicate sotto. Per ulteriori approfondimenti si rinvia inoltre alla copia cartacea depositata presso la Presidenza.

Gli esiti sono stati illustrati ai docenti in riunioni collegiali anche di settore al fine di esaminare la criticità rispetto alla media nazionale e progettare azioni di miglioramento da inserire nel curricolo verticale in fase di elaborazione.

prove di italiano    

prova preliminare

di lettura

classi II sc. primaria


 

 classi II sc. primaria

 

classi V sc. primaria

  

  

 classi I sc. media

 

classi III sc. media 

 

  

 prove di matematica

 classi II sc. primaria

 

classi V sc. primaria

 

classi I sc. media

 

classi III sc. media

 

 

 


 Prove INVALSI a confronto... 

Il nostro Istituto nel corso dell'anno scolastico 2012/13 ha avviato un percorso di autovalutazione partendo dal confronto tra i risultati delle Prove Invalsi che nel biennio 2010-2012 hanno coinvolto i medesimi alunni frequentanti le classi degli anni ponte, V sc. primaria e I sc. secondaria di 1° grado. 

La lettura comparata degli esiti registrati nei tre ambiti di ITALIANO - testo narrativo, testo espositivo e grammatica - e nei quattro ambiti di MATEMATICA  - numeri, spazio e figure, dati e previsioni, relazioni e funzioni - nei due anni scolastici successivi 2010/11  e 2011/12, ha permesso un raffronto in chiave diacronica dei percorsi realizzati dagli alunni dell'Istituto nella delicata fase di passaggio da un ordine di scuola all'altro, dando il via a numerose riflessioni sui differenti punti di forza e di debolezza emersi nei vari aspetti disciplinari.

Il lavoro, condotto in commissione congiunta scuola primaria - scuola media, rappresenta il punto di partenza per un più ampio confronto in ambito collegiale, finalizzato alla definizione di un piano di miglioramento dei livelli di apprendimento sulla base delle criticità emerse; allo stesso modo si pone come un primo passo per un confronto che continuerà nei successivi anni scolastici, sì da registrare in un quadro completo le rilevazioni dei nostri alunni non solo negli anni ponte ma nell'intero percorso scolastico, dalla classe II di sc. primaria alla classe III di sc. media, prevedendo il successivo coinvolgimento degli istituti di istruzione superiore in cui proseguiranno il corso di studi.

Guarda il confronto tra i risultati delle prove Invalsi di ITALIANO classi V sc. primaria - 2010/11 e classi I sc. media 2011/12

Guarda il confronto tra i risultati delle prove Invalsi di MATEMATICA classi V sc. primaria - 2010/11 e classi I sc. media 2011/12

 

All'interno del sito sono presenti dei link a documenti in formato pdf. Per la visualizzazione di questi documenti è necessario avere installato Adobe Acrobat scaricabile gratuitamente al seguente indirizzo http://get.adobe.com/it/reader/